Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Fonzo Giuseppe’ Category

Giovedì, 16 febbraio 2012, alle ore 19,30 è in programma un nuovo appuntamento con la rassegna Cort’Ap, cinema corto in libreria, organizzata da CineFort, b Magazine ed Art’Empori presso il Caff’Emporio della libreria Masone.

All’incontro interverrà il regista pugliese Gino Vivabene, che introdurrà il suo lavoro: “THE NEW EXPERIENCE” premiato come “Miglior cortometraggio sezione comico/commedia alla sesta edizione di “Grande Vomero-Napoli in corto- rassegna internazionale di cortometraggi (edizione 2009) e come “Miglior cortometraggio categoria “Dubbio” alla prima edizione del “Video Viral Falstival” di Bologna (edizione 2010).

Nel corso del Cort’Ap di domani saranno proiettati due cortometraggi, inseriti nella categoria della rassegna dedicata alla serie de “I Cortissimi”. I lavori protagonisti della serata saranno: “The new experience” di Gino Vivabene (Italia, 2009) e “Quotidianità” di Daniele Landini (1’30” Italia, 2011).

La proiezione dei cortometraggi sarà preceduta dalla discussione con l’autore, moderata da Lea Modola, presidente dell’associazione Cinefort.

A seguire un aperitivo corto che, realizzato con i prodotti del GAS Arcobaleno, è promosso dal Caff’Emporio, ritrovo per un’arte biodiversa e per un’economia solidale. Il Caff’Emporio è, a Benevento, l’unica caffetteria di filiera corta: con prodotti a km zero, bio ed etici (del commercio equo e solidale – associazione Emisfero Sud).

I Registi de “I Cortissimi”

Gino Vivabene autore di “The new experience”

Nato nel1974 aMonte S. Angelo (Foggia), ha conseguito preso l’Università di Bologna la laurea in DAMS Spettacolo. Regista, soprattutto, ma anche sceneggiatore e montatore, all’occasione anche operatore di ripresa e direttore della fotografia, ha all’attivo collaborazioni con il regista Alessandro Baracco, e con diverse case di produzione televisive.

Daniele Landini autore di “Quotidianità”

Nato a Prato nel1973, hastudiato sceneggiatura, montaggio, operatore e fotografia, regia e fonico presso la Scuola di cinema Anna Magnani, e recitazione presso il Thètre des Sens. Ha collaborato alla realizzazione di numerosi cortometraggi, curandone la sceneggiatura, il montaggio, la fonica e, di alcuni anche la regia (Pomì, La coda del gatto e Quotidianità).

Read Full Post »

Un Art’Ap, incontro per conoscere da vicino il “Il fotografo”, film di Carmine Girolamo girato a Benevento, è previsto giovedì, 19 gennaio 2012, ore 20,30, presso il Caff’Emporio della libreria Masone Alisei di Benevento. Promosso da Art’Empori, Cineclub Rosebud e Bmagazine, l’Art’Ap ha come tema “La genesi del film come approccio esperienziale all’opera”.

Infatti, il programma della serata prevede la proiezione del trailer del film e di alcune foto del backstage. Come interventi sul film sono previsti interventi di Maurizio Cimino, storico dell’arte e autore del soggetto del film, di Carmine Girolamo, regista, di Mauro Ielardi, operatore alla macchina, di Annalisa Chiumiento, ideatrice del soggetto. Sarà, poi, eseguita una canzone originale del film grazie al maestro Antonino Armagno, al pianoforte, che è anche autore della colonna sonora, e da Nancy (Nunzia Sardiello), voce.

A seguire gli interventi sulla cinefruizione responsabile: “Cinema indipendenti e grande distribuzione cinematografica”di Iolanda Iannella, Cineclub Rosebud; “Fruitori responsabili e cinematografi di città” di Alessio Masone, Art’Empori – PoeCivismo, movimento per una fruizione artistica responsabile. Moderato da Emilio Fabozzi, direttore del giornale Bmagazine, l’evento, in quanto aderisce alle “Pratiche responsabili per le iniziative culturali” promosse dal PoeCivismo/Art’Empori, prevede:

– un aperitivo con prodotti del territorio, senza utilizzare stoviglie monouso;

– che ogni relatore impegni il tavolo del dibattito esclusivamente per il tempo necessario al proprio intervento.

Read Full Post »

Giovedì 19 gennaio, presso il Caff’Emporio della libreria Masone, nell’ambito della rassegna Cort’Ap, cinema corto in libreria con aperitivo di filiera corta, organizzata da CineFort, b Magazine ed Art’Empori, è in programma la proiezione di“Vodka Tonic”, cortometraggio realizzato dal regista siciliano Ivano Fachin e girato tra New York e Modica. Il cortometraggio ha trionfato all’ultima edizione del “Taormina Film Festival”,  ricevendo una lunga serie di premi in molti altri festival sia italiani che americani a cui ha partecipato.

“Avere in testa il titolo prima della storia forse è sbagliato, lo ammette lui stesso. Ma avendo in testa “Vodka Tonic” Ivano Fachin aveva già tutto il plot del suo corto: la riduzione della vita ad un cocktail in cui gli ingredienti possono essere sbagliati, o può esserlo la proporzione con cui vengono miscelati. Il quarto di errore che c’è in una notte di passione, il terzo di rabbia che c’è nel cambiamento, il quinto di silenzio che c’è nell’amore, il terzo di fretta che c’è nella morte: tutto un po’ come mettere in un bicchiere di vodka tre fette di limone, anziché di lime. Così “l’incubo” di Ivano miscela illusioni e veleni. E proprio come in un incubo le verità che non osiamo raccontare neppure a noi stessi sono appena dei sussulti, nell’inconscio buio e sudato di una vita ammorbata. Sembrerebbe banale, ma non è scontato, usare l’alcol come cifra per raccontare un venditore di sogni dedito all’autodistruzione” (recensione di Concetta Bonini, pubblicata sul quotidiano siciliano Tempus).

L’appuntamento sarà preceduto da una breve presentazione del cortometraggio, che sarà introdotto da Lea Modola, presidente dell’associazione Cinefort e da Emilio Fabozzi, direttore di bMagazine.

Alessio Masone, cofondatore di Art’Empori, introdurrà sulla campagna “Compra una quota di futuro per i tuoi figli” che, promuovendo la raccolta di quote di sottoscrizione per il ricorso contro le centrale a turbogas, incentiva una cittadinanza non delegata nella risoluzione delle emergenze territoriali e in tutti gli aspetti della vita collettiva.

 

IVANO FACHIN

Siciliano di Modica, ama fin da giovanissimo il grande schermo come strumento di espressione e di liberazione. Studia a Perugia, dove si laurea in Scienze della comunicazione con lode sulla sceneggiatura di Billy Wilder “Sunset Boulevard”, e nel frattempo muove i primi passi nella settima arte, nella piccolissima ma vivace realtà del cinema indipendente della città umbra: studia alla Salon Indien Film School, collabora con allievi della scuola Immagina di Firenze, partecipa a workshop e progetti cinematografici dell’università di Perugia e si cimenta come attore teatrale e cinematografico. È da indipendente che realizza le sue prime opere, Vox Rerum, Giro di Giostra e L’Uomo Perfetto, che ottengono innumerevoli premi in Italia e all’estero e sono selezionate a centinaia di festival. Dopo la laurea, si trasferisce a New York, dove realizza Sunnyside, collabora con produzioni americane, frequenta corsi al Gotham Writers’ Workshop, all’HB studio e collabora con la New York film Academy. Nell’estate del 2010 gira Vodka Tonic, che termina nella primavera dell’anno successivo: il cortometraggio ottiene subito un grande successo vincendo, tra gli altri, il Taormina Film Festival 2011. Continua a lavorare in Italia, tornando a Modica nell’autunno 2010, sua città di origine, per realizzare Tempus, suo ultimo lavoro di fiction, che ottiene il contributo del Ministero per i Beni Culturali. Tempus è attualmente in fase di distribuzione.

Read Full Post »

Giovedì  8 dicembre, alle ore 19.30, presso il Caff’Emporio della libreria Masone, è in programma un nuovo appuntamento con Cort’Ap, rassegna di cortometraggi con aperitivo di filiera corta, organizzata da CineFort, b Magazine ed Art’Empori.

Questa volta sarà presentato il cortometraggio “La Fuga”  alla presenza dell’autore Iacopo Di Girolamo, giovane “anglo napoletano”, come scherzosamente ama definirsi.

“La fuga di un ragazzo napoletano dalla sua città appare come un gesto surreale, impresso in un ricordo senza tempo, con la sola certezza che nessuna idea è una cattiva idea”.

L’appuntamento sarà preceduto da una breve presentazione del cortometraggio, che sarà introdotto da Lea Modola, presidente dell’associazione Cinefort.

Alessio Masone, cofondatore di Art’Empori, presenterà la campagna “Compra una quota di futuro per i tuoi figli” che, promuovendo la raccolta di quote di sottoscrizione per il ricorso contro le centrale a turbogas, incentiva una cittadinanza non delegata nella risoluzione delle emergenze territoriali e in tutti gli aspetti della vita collettiva.

IACOPO DI GIROLAMO

Il regista, che ama definirsi, come detto, “anglo napoletano”, di madre inglese e padre italiano, nasce a Napoli nel 1982 e vive tutta la sua vita tra la città partenopea e l’Inghilterra. È li che si laurea in produzione cinematografica nel 2003 e da allora ha girato video musicali e teatrali, pubblicità, diversi cortometraggi e ha insegnato produzione video in scuole pubbliche italiane. Attualmente lavora come operatore ed è ritornato a Napoli, dove ha girato La fuga, un lavoro originale anche dal punto di vista tecnico,  in quanto è stato girato con una cinepresa Canon del 1965.

Cort’Ap prevede 18 appuntamenti, ogni giovedì alle ore 19.30, fino al 23 febbraio2012, incui saranno proiettati i 21 lavori selezionati per la fase finale dell’ultimo CineFort Festival. Ogni proiezione sarà preceduta da una breve presentazione del lavoro e, quando possibile, da un’intervista all’autore del cortometraggio. Gli incontri, “corti” anche nell’aperitivo, consentiranno la degustazione di prodotti del territorio veicolati dal GAS Arcobaleno (Gruppo di Acquisto Solidale) e dal Caff’Emporio, caffetteria con prodotti bio, etici e a km zero.

Per tutta la durata della rassegna all’interno della libreria Masone, resterà esposta la mostra fotografica di Alessandro Caporaso “CinemaCittà. I cinematografi indipendenti e di città Massimo e San Marco di Benevento”. La mostra intende evidenziare la capacità di cambiamento esercitabile dal cittadino tramite la modalità di fruizione del prodotto culturale. Saranno distribuiti, durante l’incontro, i “Decaloghi per gli empori culturali corti” per promuovere il ruolo del fruitore che, se si approccia responsabilmente agli esercizi culturali indipendenti e ubicati in città, partecipa in prima persona a un modello di sviluppo capace di  nuova economia, di identità territoriale e di giustizia sociale.

Read Full Post »